Info: 06 9295 7030

Progetti web personalizzati

Tira una brutta fra i big mondiali della tecnologia. Proprio nel giorno in cui Google e Microsoft siglano un accordo che ha un sapore storico, dichiarandosi pace eterna in fatto di brevetti, il terremoto lo induce Amazon, con una scelta che ha del clamoroso. Il gigante dell'e-commerce, secondo quanto scrive Bloomberg, pare abbia deciso di bloccare la vendita – sul suo marketplace - di due device marchiati Google e Apple: Chromecast e Apple Tv.

Due prodotti che proprio nelle ultime settimane (Chromecast addirittura due giorni fa) sono stati rilasciati nelle rispettive versioni aggiornate, e quindi destinati ad accelerare in fatto di vendite. Particolari che, evidentemente, ad Amazon non interessano granché. Anzi. Il colosso di Bezos è deciso a mostrare i muscoli, e qualche ora fa ha inviato una mail ai rivenditori del marketplace spiegando che Google Chromecast e Apple Tv saranno rimossi dallo store il 29 ottobre. Più o meno un mese per smaltire le scorte in magazzino. Poi il blocco.

La motivazione ufficiale riporta ad Amazon Prime Video, il servizio di video-streaming della società di Seattle. Secondo gli ingegneri di Bezos, Apple TV e Chromecast non consentono attualmente ai consumatori di acquistare film e show televisivi direttamente dal negozio digitale di Amazon: «Negli ultimi tre anni, Amazon Prime Video è diventato importante per noi – ha scritto Amazon nella mail inviata ai venditori – ed è importante che i device per lo streaming che vendiamo sul marketplace possano interagire bene con i nostri formati per evitare confusione fra i clienti».

La notizia, però, non può non far pensare a una strategia di vendita ben precisa che porta ad Amazon Fire Tv, anche perché – a volerla analizzare bene – la motivazione ufficiale è un po' debole. Per quanto riguarda Amazon Fire Tv, invece, si può dire che è senza alcun dubbio in concorrenza con la tv prodotta da Apple, e in parte con la chiavetta di Google (anche se quest'ultima può contare su un prezzo decisamente più competitivo). La mossa di Amazon, insomma, ha sfaccettature diverse. E questo scontro fra titani, comunque, è appena all'inizio.